ALLA PARROCCHIA SAN GIUSEPPE UNA CROCE DI CRAIA IN OMAGGIO

craia-a-san-giuseppe-copia

Venerdì 28 Settembre alle 19.00 nella Chiesa di San Giuseppe Operaio, in occasione del Decimo Anniversario dell’ordinazione Sacerdotale di Don Andrea, il maestro Silvio Craia, uno dei più stimati personaggi dell’arte pittorica e scultorea del maceratese e nazionale, donerà alla Parrocchia, in segno di amicizia e devozione, una croce realizzata in ricordo di suo fratello.
“ Nella croce di Craia – ha scritto Maria Giuseppina Coppola, collaboratrice della parrocchia e raffinata esperta artistica – è evidente la sua commozione interiore concretizzata in un’opera d’arte, diventando una cosa diversa dal pezzo di legno o di ferro con la quale si manifesta al mondo. É un prodotto dell’amore, dell’arte e di una religiosità inserita nel mondo umano concreto”.
“ La collaborazione del maestro con quella Parrocchia – ci ha invece riferito la nota pittrice prof.ssa Lucia Spagnuolo – è iniziata quattro anni fa, quando con grande umiltà si è messo a disposizione come artista, partecipando attivamente alle mostre d’arte contemporanea organizzate nella Chiesa in occasione della festa di San Giuseppe”.
Il 28 settembre, oltre alla donazione della croce, saranno esposte all’interno della chiesa, sotto ogni stazione della Via Crucis, 14 opere del maestro riferentesi alla Passione.
“Per questo, celebrare un anniversario – ha commentato a sua volta don Andrea Verdecchia – ha senso e valore solo se vengono celebrati con esso i sorrisi e le lacrime, le gioie e le angosce, le presenze amiche e i volti meno familiari: in una parola la vita concreta. Cosa meglio di una nota o di una voce, di un colore e un segno, in una parola dell’arte nelle sue varie forme, può esprimere la bellezza e la concretezza della vita, del vissuto quotidiano, intreccio di ordinarie presenze e di straordinarie esperienze. Non trovo altra forma se non quella dell’esperienza artistica per far giungere il mio grazie a Dio e a ciascuno di voi, per rendere ancora più vere e concrete queste mie parole”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *