A CIVITANOVA TRAMONTA IL CAVALCAVIA, “UNA GRANDE VITTORIA”

“E’ stata una grande vittoria”. Questo il commento dei cittadini, tutti con la coccarda del comitato No al Cavalcavia, dopo il voto con cui il consiglio comunale ha cancellato il viadotto che nel progetto originario della Quadrilatero avrebbe dovuto essere realizzato al termine della superstrada penetrando nel quartiere La Pinetina e sfiorando le case. Alla una di notte, il voto dell’aula ha seppellito la sopraelevata. Sono stati 14 i favorevoli, tutto il centro sinistra e il Movimento 5 Stelle, mentre la Federazione di Centro Destra e le civiche di destra, fautori del progetto, sono uscite dall’aula. Applausi da parte della platea dopo il voto con cui l’amministrazione Corvatta ha messo fine ad anni di battaglie di una larga parte dei civitanovesi e rispettato il proprio programma elettorale. Fino a che il centro destra e’ rimasto in aula con gli interventi di Claudio Morresi, di Massimo Mobili e di Ermanno Carassai ha rispolverato le tesi di una cavalcavia necessario a migliorare la viabilità, con accuse alla maggioranza di deliberare un atto politico e di nessun valore formale, di rinunciare ad un’opera fondamentale per la città. “Non stiamo rinunciando a nulla – ha ribattuto il vice sindaco Giulio Silenzi – perché il centro destra ha parlato del cavalcavia con il nulla in mano. E nonostante questo nulla, nonostante non ci fossero finanziamenti, la passata amministrazione ha speso 23 mila euro per incaricare uno studio privato di disegnare un nuovo cavalcavia. Con quali presupposti? E con quali pareri?”. Scintille tra l’opposizione di destra e la maggioranza sulla conduzione dei lavori consiliari, con Carassai e Mobili che hanno contestato la legittimità di Silenzi, vice sindaco e assessore al bilancio, di intervenire nel merito degli aspetti finanziari del progetto, e hanno abbandonato l’aula senza votare. Il consiglio comunale e’ andato avanti fino alle 2.30 ed e’ stato votato il piano per la viabilità cittadina che prevede la realizzazione di una rotatoria terminal della superstrada e la soppressione dei passaggi a livello sulla statale adriatica e in via Del Casone.

1 Response

  1. giuseppe pollastrelli ha detto:

    la cancellazione del cavalcavia non é stata una grande vittoria, nemmeno per quelli che vanno a piedi, ma una sconfitta immane per civitanova in termini di contenimento dell’inquinamento ambientale e dello sviluppo della città. Poi, adesso, è meglio lasciare i semafori che fare la rotatoria… il tempo é signore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *